Stampa
04
Giu
2012

Calcioscommesse. Estate dei gargarismi

Pin It

altLa lunga e torrida estate del calcio italiano, partita con il primo processo sportivo stagionale sullo scandalo delle scommesse illecite, si è subito sgonfiata. All’inizio del processo al calcio scommesse di Roma si è capito perché

 Palazzi , su invito della Figc e di Abete, farà presto e subito. Saranno i patteggiamenti a velocizzare il processo. Paradossalmente … convengono anche a coloro che sono innocenti. Abete il Presidente della Figc fa il pentito per i patteggiamenti , dimostrandosempre di più che da Lui in giù la casta… non è affatto casta in FIGC, e anche per questo il calcio italiano perde giorno dopo giorno sempre più credibilità. Per otto gare truccate il Grosseto ha beccato un –6 inclassifica e l’Atalanta recidiva è stata punita con un – 2 , invece per l’Albinoleffe che non ha patteggiato sono stati richiesti 27 punti di penalizzazione. Perla Samp la richiesta, per aver tesserato Bertani a Luglio, è stata di 50 mila euro di multa e per lo Spezia aver tesserato Carobbio, 30mila euro. Pentirsi rende nel calcio: Gervasoni e Carobbio che hanno inguaiato i calciatori di serie A, hanno preso 20 mesi di stop, compresa l’estate saranno 17. Carobbio in questo primo procedimento , al centro di 22 partite incriminate , ha avuto 20 mesi di sospensione perché le sue dichiarazioni costituiranno il cuore del secondo processo, quello che vede coinvolte le squadre di serie A. Il Presidente della Nocerina, (club ammesso al procedimento perché interessato) , con ragione , ha gridato : “E’ una vergogna, in questo modo avete sancito, il diritto all’illecito sportivo …” Zeman al suo ritorno in serie A, sulla panchina di una grande , non ha picconato… ma ha detto: “ Speravo che si riuscisse ad arrivare ai processi con pene dure e dare un esempio. Non è successo, succederà ancora”. Scommettiamo ? Ridiciamo noi . Il primo processo 2012 della Giustizia sportiva per “scommessopoli” ha sottoscritto: Pentitevi, collaborate ed avrete pene lievi; la responsabilità oggettiva temuta dalle società è annacquata , perché quando un calciatore scommette per far perdere la propria squadra , il danno non può accompagnarsi alle beffe. Le parole e le inchieste di questi giorni con risvolti grotteschi sulle intercettazioni saranno come dei prodotti culinari: un guazzetto riscaldato e tanti articoli di gossip senza un domani. Dispiace che quotidiani politici e sportivi dell’ex triangolo industriale mettano sempre alla gogna il Genoa, guardando poco a quello che succede alle squadre a loro vicine. Che gli ultras vivano nel calcio e con il calcio e siano amici dei calciatori a qualsiasi latitudine e longitudine italica è come far scoprire il ghiaccio ai …pinguini. Leggendo i titoloni a pagine intere ed in prima pagina , sale l’impressione che interessarsi ai fastidi del calcio serva per dimenticare quello che succede nella nazione a tutti i livelli. Questo teatro calcistico piace al Governo ed alla critica: far vedere i guai del calcio per non sentire più a fondo i propri, anzi i nostri. Bartali e Coppi salvarono l’Italia dalla guerra, il calcio italiano 2012 dallo spread. Bartoli e Coppi pedalavano, nel calcio italiano in questa estate andrà in onda la canzone del “gargarismo” delle gole profonde, ma ammalate. Indipendente da tutto bisogna essere preoccupati e tutto porta nuovamente a “Find a cure” : trovare la cura, che dovrà essere trovata dai dirigenti e dalla società anche se non più preoccupate della responsabilità oggettiva. Si potrebbero incrementare i bilanci mettendo nei contratti, multe salate ai calciatori per qualsiasi sciocchezza che metta alla berlina il club. A proposito di cura in occasione della conferenza stampa di Preziosi e lo Monaco si è constatato che una nostra proposta , non sarà stato per questo , funziona già all’entrata del Pio Signorini: se sei conosciuto ti schedano, se non sei conosciuto ti chiedono il documento, chiedendo con chi vuoi parlare . Un solo distinguo: tutti ce l’hanno con le soffiate che consentono ai giornali di saper le notizie prima e nessuno ancora si è lamentato dei metodi dei calciatori o Dirigenti(non tutti per fortuna) di arrivare sempre primi sui risultati. Vergogna. Uno a uno.( lino marmorato)