Stampa
07
Giu
2012

Sampdoria Varese3 a 2 . Salita verso la A

Pin It

altTerzo gradino salito dai blucerchiati verso la serie A.Importante era vincere per Iachini e i suoi ragazzi ma il giuoco per l’ennesima volta ha latitato. Brava la Samp a sfruttare gli episodi che hanno determinato i tre gol. Il solido

 4 4 2 del Varese, è uno stracchino sui palloni inattivi specialmente quelli che provengono dai calci d’angolo. Gastaldello eroe della prima finale di play off è stato lasciato libero dentro l’area avversaria di colpire e fare gol , ed ha punito gli atavici errori dei biancorossi sui palloni inattivi, 16 gol incassati nel corso del campionato con le stesse modalità. Bravo Iachini a sfruttare l’handicap del Varese.

La foto della partita : il giuoco corale del Varese che partiva da dietro, il pressing alto che ha messo in difficoltà la difesa blucerchiata , il giuoco di Neto Pereira finta punta tra le linee blucerchiate. La Samp attaccava solo con palloni lunghi cercando la giocata del singolo e mai facendo giuoco. Lanci lunghi e verticali che sono serviti poco ad Eder e Pozzi .Samp schiacciata sulle corsie laterali. Pozzi ha ricevuto un solo pallone , come Obiang ha avuto solo una sola possibilità di verticalizzare
Tutto è successo in occasione del secondo gol blucerchiato di Pozzi anche per un gentile cadeau di Troest difensore centrale varesotto. Bravo Eder anche si è si è visto poco perché mal servito, ma sue due giocate hanno fruttato i gialli pesanti ai calciatori biancorossi. Iachini , con i se e ma è facile parlare, doveva cambiare l’assetto tattico considerato il nullo apporto del trequartista. A Varese piangono per il diverso trattamento sui cartellini gialli tra blucerchiati e biancorossi. Il cartellino giallo a Troest e Zecchin non gli permetteranno di giocare il ritorno della finale, mentre Pozzi per una gomitata volontaria data a Troest nel primo tempo è stato graziato dal direttore di gara, ma essendo stata ampiamente documentata da “zia Shy” potrebbe incorrere nella prova televisiva.
Anche Gastaldello secondo il Varese è stato condonato dall’arbitro del cartellino giallo. Lamentele anche sulla partenza del terzo gol avvenuta su un fallo laterale invertito e assegnato al Varese dal primo assistente, ma non dal fischietto principale. Il Varese ha pianto anche l’assenza di Terlizzi infortunatosi durante il riscaldamento e i sui centimetri dentro l’area di rigore. Sabato il ritorno della finale all’Ossola. Sarà dura per entrambe le squadre. La partita agonistica di ieri potrebbe lasciare strascichi sul fisico. Tornerà in serie A chi recupererà meglio, anche se gli episodi e per una volta speriamo non l’arbitro saranno protagonisti. ( lin o marmorato)