Stampa
04
Mag
2017

La sicurezza...valore assoluto?

Pin It

Bella domanda, da quanto tempo, cari amici lettori secondo voi l’essere umano è alle prese con il concetto di sicurezza?

Apparentemente la questione riporta alla memoria concetti recenti, legati perlopiù all’evoluzione tecnologica iniziata nel XX secolo in materia di antifurto casa.

Io però, scettico come non mai, non sarei veramente troppo convinto che l’essere umano abbia cominciato ad affrontare questo tema solo in tempi così recenti.

A rigor di logica infatti ed a volerci riflettere su con un minimo di attenzione, perverremmo inevitabilmente alla medesima conclusione, la questione sicurezza esiste sin da quando esiste l’uomo sulla faccia della terra.

 

Certo l’uomo delle caverne aveva a disposizione metodi molto poco ortodossi per tutelare la sua grotta ma già dal primo medio evo cominciamo a parlare di offendicula, ovvero strumenti più o meno efficaci che gli uomini dislocavano intorno alla propria casa o alla proprietà da difendere in generale per impedire che alcuno potesse violarla.

Il nocciolo della questione, anche con il trascorrere dei secoli non è cambiato anzi…..se vogliamo è peggiorato, l’uomo moderno sente infatti sempre più pressante la necessità di tutelare i suoi affetti più cari e, perché no, il proprio patrimonio con strumenti che, come nel medioevo, impedissero a chiunque di arrecare danni, talvolta irreparabili.

Sicuramente, ai tempi nostri la maggiore sensibilità di ciascun individuo rispetto al problema è sorretta da una più vasta conoscenza delle problematiche, non solo tecniche ma, legali/giuridiche connesse al problema della sicurezza domestica.

Infatti, quando si riconosce ad ognuno il sacrosanto diritto di ognuno di tutelare i propri affetti oltre chè i propri beni, non gli si riconosce sic et simpliciter il diritto di uccidere nessuno.

Per questa sacrosanta ragione, bisognerebbe oggi più che mai cominciare a formare le coscienze dei giovani rispetto al problema sicurezza domestica, sin dai banchi di scuola.

Ai formatori, dunque l’arduo compito di insegnare alle giovani leve il concetto che la sicurezza, propria e dei propri cari passa attraverso la prevenzione e lo studio costante delle variabili di territorio, muovendosi attraverso percorsi specifici che non violino in alcun modo le leggi del nostro paese.

E’ quindi importante che quando in casa si affronta il problema della sicurezza domestica, il capo famiglia ne renda edotti tutti i componenti del nucleo, condividendo con loro le proprie scelte, affinché queste costituiscano il presupposto di future coscienze che non ignorino il problema, diventandone vittime.

Questi ragazzi, supportati adeguatamente nelle informazioni che riguardano il problema della sicurezza, saranno domani in grado di affrontarlo senza difficoltà…….non credete??