Stampa
14
Giu
2008

REGIONE LIGURIA: STANZIAMENTO DI 21 MILIONI DI EURO PER MIGLIORARE LíOFFERTA TURISTICA

Pin It

21 milioni di euro. E' lo stanziamento deciso dalla Regione Liguria per migliorare l’offerta turistica del territorio.  “E’ sicuramente un ottimo risultato - spiega l'assessore regionale al Turismo Margherita Bozzano - perché questa legge va incontro ai piccoli-medi imprenditori che vogliono investire nella riqualificazione e nell’ammodernamento delle strutture alberghiere. La norma va a completare il quadro delle misure avviato con la legge 28/2006 sulla riorganizzazione turistica, proseguito con la legge 1/2008 sulla salvaguardia e valorizzazione degli alberghi e poi con la Legge 2/2008 sulla classificazione delle strutture turistico-ricettive e balneari.

Oltre ai due milioni indicati dalla legge sono disponibili da subito ulteriori 19 milioni per un totale di 21 milioni in gradi di generare investimenti per 50 milioni (20 dalla Regione, 20 dalle banche e 10 dalle imprese). Si tratta di un intervento massiccio soprattutto per quegli alberghi che vorranno adeguarsi ai nuovi standard richiesti dal mercato. Siamo così prossimi a completare il pacchetto di misure 2005-2010 che avevamo previsto come Assessorato al Turismo”.


"Questa decisione - commenta Vittoria Rotini, coordinatrice regionale Asshotel - si  inserisce nell'ampio quadro normativo messo in atto in questi messi dalla Regione con due provvedimenti legislativi, uno in via di definizione, l'altro già varato: il regolamento attuativo della legge regionale sulla nuova classificazione ricettiva e l'avvio dell'Osservatorio regionale sul turismo. Infatti la ratifica dei ventuno milioni di Euro disponibili per investire nella riqualificazione del settore arriva a proposito, visto che gli operatori sono chiamati, proprio in questi giorni, ad approvare quel regolamento, che potrà anche, opportunamente, orientare gli investimenti di riqualificazione delle strutture ricettive. Allo stesso modo  l'Osservatorio regionale per il Turismo, da quando sarà operativo, consentirà alle imprese e alle Istituzioni di muoversi virtuosamente nelle politiche di sviluppo del settore. Dunque non solo incentivi finanziari, ma anche input agli operatori perché orientino gli investimenti in funzione dell'innovazione dell'offerta o della creazione di nuovi prodotti turistici".

 
Fonte Confesercenti