Stampa
27
Mag
2012

La sveglia delle amministrative è l'ultima occasione

Pin It

alt Le elezioni amministrative 2012 forniscono segnali politici chiari. Più di tanti sondaggi. La destra è in caduta libera. Il Pdl non riesce a riprendersi dalla fine del Governo Berlusconi. La sconfitta è clamorosa al Nord e travolge la Lega. Maroni

può solo consolarsi con il risultato di Verona. Rondine che non fa primavera. Gli elettori delusi di questi 2 pilastri del centro destra sono buona parte della deriva verso il non voto e attendono di essere rappresentati. Se avverrà per ora non è datosapere. Il terzo polo - in particolare l’Udc di Casini - ha pensato che caduto Berlusconi il partito di plastica si sarebbe dissolto e ne avrebbe raccolto l’eredità. Il voto dice che questo obiettivo non è realizzato e il terzo polo è di nuovo di fronte ad un problema di prospettiva. Complessivamente il centrosinistra ha ottenuto un buon risultato, sia pure nel calo degli elettori, ma con divisioni e polemiche interne che non lo rendono scontato alle politiche. Il risultato nazionale del Pd, di Sel, della stessa Idv non è automaticamente sommabile a quello di Orlando a Palermo. Il non voto ha raggiunto un livello impressionante. Alcuni sindaci sono stati eletti da una minoranza di votanti. La disaffezione verso l’attuale rappresentaza politica non si ferma al non voto, infatti trova nell’affermazione delle liste 5 stelle un’ulteriore conferma. Gli eletti sono spesso fuori dal coro politico ufficiale del centro sinistra e le liste 5 stelle, va riconosciuto, contribuiscono anch’esse ad un ricambio del personale politico. Anche se non sempre con linearità, il messaggio che viene dal voto è la richiesta di una svolta politica, amplificata dalle preoccupazioni sulla situazione economica e sull’occupazione e dal succedersi di avvenimenti gravi quanto di origine oscura. Del resto i dati Istat confermano che per l’Italia il futuro economico è preoccupante, più del previsto. Non tutti sembrano ritenere il voto delle amministrative uno spartiacque, che richiede una svolta, un cambio di passo a tutti, a partire dal centrosinistra. C’è chi sostiene che nessuno ha realmente vinto e quindi propone di mantenere l’attuale situazione, guardando ad un’evoluzione dal Governo Monti verso una sorta di grande coalizione, ancorchè non si capisca da chi dovrebbe essere composta. E’ chiaramente un tentativo di evitare che il centrosinistra si scrolli di dosso incertezze e ambiguità, superando i particolarismi che lo congelano in un ruolo di sostegno ad una politica innaturale. L’argomento principale portato a conferma di questa posizione è il permanere dell’emergenza economica e dei conti pubblici. Il Governo Monti ha segnato una discontinuità con il discredito del Governo Berlusconi, anzitutto sul piano internazionale, ma va anche detto che dei 3 punti enunciati inizialmente (risanamento, equità, sviluppo) resta evidente solo il risanamento dei conti pubblici realizzato con aumenti fiscali e tagli alle pensioni. Non si capisce, ad esempio, perché dovrebbe proseguire un’azione di riforma del mercato del lavoro comprendente la modifica dell’articolo 18. Dopo il risultato elettorale non basterà più evocare la media di una maggioranza parlamentare come quella che sorregge il Governo Monti. Non si capisce perché gli “esodati” dovrebbero continuare ad essere un problema irrisolto, quando il potere di condizionamento del centro destra è ridotto ai minimi termini perché vuole evitare ad ogni costo il ricorso al voto. Se il segno politico del Governo Monti non cambierà profondamente si aggraverà ancora di più la distanza tra le aspettative degli elettori e la loro rappresentanza politica. In questo caso il centro sinistra ne risentirebbe di più perché gli elettori di centro destra hanno già manifestato la loro insoddisfazione e il loro disorientamento. Che siano in alto mare riduzione delle spese per la politica e del numero dei parlamentari, la nuova legge elettorale non fa che alimentare la fornace dell’antipolitca, rafforzando il refrain del tutti uguali. E’ giunto il momento di dire con chiarezza che la crisi attuale può essere affrontata in modi diversi e che il centrosinistra può tentare di dimostrare che un’altra via è possibile. In sintonia con quanto sta avvenendo in altri paesi europei, a partire dalla Francia. Aggiungere lo sviluppo al risanamento ricorda ciò che accadde con il patto di Mahastricht, definito di stabilità e di crescita. Solo che in campo rimase il risanamento e la crescita venne dimenticata. L’Italia ha approvato incomprensibilmente, per di più con rapidità mai vista, la modifica dell’articolo 81 della Costituzione, accettando un concetto neoliberista come precetto costituzionale. Ora rischiamo di approvare un trattato che impone condizioni draconiane per il risanamento dei conti pubblici per ben 20 anni, tagliando il 5 % di Pil all’anno, senza neppure la garanzia di un quadro di crescita economica. Un chiarimento di fondo si impone. La tattica non basta più. La crisi finanziaria non giustifica atti che condizioneranno il futuro dell’Italia per generazioni. Ha ragione Folli quando scrive su Il Sole: svegliamoci. E’ vero, dobbiamo svegliarci, anche se in modo molto diverso da come viene suggerito. Se si riesce in breve tempo a modificare la legge elettorale meglio, ma questa non può diventare l’albero di Bertoldo, che non volendo essere impiccato e non lo trovava mai di suo gradimento. Se non ci si riesce la questione principale è fare corrispondere la rappresentanza politica al paese reale, qualunque esso sia e quindi il centrosinistra deve effettivamente svegliarsi e presentare ai cittadini le sue proposte per uscire dalla crisi prima che sia troppo tardi. Le proposte alternative per uscire da questa palude sono oggi la priorità. Altrimenti la critica alla politica, sommata all’antipolitica della destra, rischia di portare il paese all’ingovernabilità e il peso ricadrebbe tutto sul centrsinistra. La vittoria di Hollande è un segnale importante, ma non sostituisce quello che l’Italia deve fare da sola. Prima lo fa meglio è. (Alfiero Grandi)