Stampa
09
Feb
2011

PIRATI: SCANDROGLIO (PDL), SICUREZZA PRIVATA PER TUTELA NAVI ITALIANE

Pin It

 In seguito alla notizia della cattura da parte dei pirati della petroliera italiana Savina Caylin, con 22 marinai a bordo dei quali 5 italiani, con il collega Gregorio Fontana abbiamo chiesto e ottenuto un colloquio con il presidente Donato Bruno per inserire urgentemente nei lavori della commissione Affari costituzionali una proposta di legge gia' presentata nel 2010 e sollecitata da molti armatori affinche' le navi italiane possano essere tutelate da servizi di vigilanza privata'. E' quanto afferma Michele Scandroglio, deputato del Pdl.

'L'utilizzo di sicurezza privata -spiega Scandroglio- con l'impiego di guardie giurate e con l'utilizzo di armi comuni da fuoco, a protezione di merci e valori su navi mercantili e su navi da pesca battenti bandiera italiana nelle acque internazionali in cui esiste il rischio pirateria, e' stato peraltro previsto gia' nel 2009 da una raccomandazione dell'Assemblea dell'Unione dell'Europa occidentale.

Quello da noi proposto -rimarca l'esponente Pdl- e' un provvedimento a costo zero per il bilancio dello Stato e che metterebbe in sicurezza le navi italiane, sempre piu' spesso coinvolte in questo crescente fenomeno degli attacchi da parte dei pirati'.
'E' un'iniziativa a nostro avviso indispensabile -conclude Scandroglio- per garantire il diritto alla sicurezza e per scongiurare il rischio che l'armamento italiano si trovi nella condizione di dovere immatricolare le proprie unita' con la bandiera di altro Stato, magari dell'Unione Europea, con le evidenti negative ricadute economiche, fiscali e occupazionali che ne deriverebbero per il nostro Paese'.