Stampa
24
Lug
2012

Rassegna internazionale di musica organistica

Pin It

altOrganisti provenienti da Austria, Francia, Germania, Italia, Polonia e Spagna saranno i protagonisti  della Rassegna organizzata dagli Amici dell’Organo di Genova nelle più incantevoli località della Riviera Ligure.
Musica e turismo, binomio perfetto per riscoprire i borghi marinari e le pregevoli Chiese, Abbazie

e Cattedrali dove a risuonare saranno i prestigiosi organi che compongono l’antico patrimonio artistico e culturale della Liguria.
“Itinerari Musicali alla Scoperta dei Suoni Antichi” è la più importante rassegna estiva dedicata al mondo organario. Un percorso turistico musicale per riportare alla luce organi di inestimabile valore storico ed artistico gelosamente e magnificamente custoditi che verranno suonati dai migliori organisti del panorama nazionale ed internazionale.
La manifestazione è promossa ed organizzata dagli Amici dell’Organo di Genova, associazione musicale che riveste un ruolo di primo piano nella diffusione e promozione della musica organistica e nella valorizzazione del patrimonio organario, con il sostegno della Compagnia di San Paolo e la collaborazione dell’Istituto Diocesano di Musica “G. B. Campodonico” di Chiavari.

La direzione artistica è affidata alla Professoressa Luisella Ginanni Traverso, anima e cuore dell’associazione stessa, che per il XXXI ciclo di concerti ha scelto una programmazione musicale variegata che prevede famosi capolavori della letteratura musicale ma anche opere meno conosciute ma che ben si abbinano alle diverse caratteristiche tecnico-foniche degli strumenti scelti, sfruttando così al meglio tutte le potenzialità timbriche che si andranno a scoprire giorno dopo giorno.

La rassegna prenderà il via domenica 5 agosto con il duo formato da Marco Piantoni al violino e Davide Merello all’organo che si esibiranno all’Oratorio di Santa Chiara di Arenzano (GE) e il giorno successivo, lunedì 6 agosto alla Chiesa del Redentore di Borgio Verezzi (SV). Martedì 7 agosto sarà la volta di Massimiliano Raschietti che suonerà l’Agati del 1840 posto nella Cappella del Seminario Vescovile di Chiavari (GE). Mercoledì 8 agosto ancora un italiano, Francesco Cera che suonerà l’organo Roccatagliata del 1789 dell’ Oratorio di San Bernardo di Santa Margherita Ligure. Giovedì 9 agosto sarà la volta dell’organista polacca

Magdalena Malec che suonerà un pregevolissimo esemplare della scuola organaria ligure del XVIII secolo, organo situato a Rapallo (GE) nell’Oratorio dei Bianchi. Venerdì 10 agosto nell’Oratorio di N.S. del SS. Rosario/Cappe Turchine a Loano (SV) si esibirà l’austriaco Gustav Auzinger.
Sabato 11 agosto Marco Ruggeri suonerà l’organo della Basilica di Santa Maria di Nazareth di Sestri Levante, che ritrova tutto il suo splendore dopo il restauro ultimato nel 2012: costruito dai celeberrimi fratelli Serassi di Bergamo nel 1832 (opus 465) è considerato uno fra gli organi più importanti della riviera ligure di levante. Domenica 12 agosto il tedesco Christian Schmitt si esibirà sull’organo della Chiesa di San Martino di Zoagli (GE), strumento particolarmente adatto per l’esecuzione del repertorio tardo barocco e pre-romantico.
Il francese Jean-Charles Ablitzer si esibirà martedì 14 agosto nella Capella Sistina di  Savona  e mercoledì 15 agosto a S. Margherita Ligure (GE), nell’Oratorio di N.S. del Suffragio. Musica del periodo romantico per Simone Vebber che giovedì 16 agosto si esibirà a Sestri Levante (GE) nella Chiesa di Santo Stefano del Ponte in occasione dei festeggiamenti per il millenario della costruzione della Chiesa, del centenario della costruzione dell'organo e del decennale del restauro dello strumento stesso.
Venerdì 17 agosto a Savona, nella Cattedrale di Nostra Signora Assunta toccherà allo spagnolo Raúl Prieto Ramirez che proporrà musiche di fine Ottocento ed inizio Novecento. L’ultimo appuntamento, domenica 19 agosto si svolgerà a Santa Margherita Ligure (GE), nella Chiesa di Nozarego e sarà affidato a Maurizio Salerno che suonerà uno degli strumenti più belli costruiti dal sammargheritese Tommaso II Roccatagliata, quest’ultimo considerato uno dei più illustri rappresentanti della scuola organaria ligure settecentesca.