Stampa
12
Set
2011

RifiutI: Smaltimento e rivalorizzazione senza inquinamento

Pin It

alt Gentile direttore di Genovapress, a nome di tutto il Gruppo Fissore di Montecarlo, i nostri più sentiti ringraziamenti per l'aiuto che ci sta dando da due anni, nella promozione dei nostri rivoluzionari impianti. Purtroppo la diffidenza e l'indifferenza sono sempre stati i nemici del progresso. Per questo, abbiamo

 deciso d'iniziare un "tour didattico" nelle università italiane che vorranno accoglierci, per dimostrare la nostra sincerità e la validità dei nostri impianti. Ecco perché Le chiediamo di pubblicare questo nostro comunicato con i risultati della presentazione a Donoratico di cui Lei ha già scritto. Grazie ancora da tutto il Gruppo Fissore.



informazione scientifica PER I DOCENTI DI CHIMICA ED INGEGNERIA
Il nostro impianto P2P, unico al mondo, sta rivoluzionando il settore dello smaltimento rifiuti senza inceneritore, ma necessità dell'appoggio dei nostri futuri chimici ed ingegneri, per apprezzarne le caratteristiche e farle conoscere al grande pubblico. Si tratta del P2P (plastic to petrol) ad uso industriale (oltre 150 ton) per lo smaltimento e la rivalorizzazione rifiuti senza inceneritore e senza inquinamento, Brevetto mondiale di un gruppo di 5 aziende internazionali rappresentate dal Gruppo Fissore di Montecarlo. Possiamo dimostrarne il funzionamento (con il modello portatile) anche in un' aula di chimica o d'ingegneria (o altrove). Ci basta solo una presa di corrente! Nel link qui in fondo, si possono leggere le eccezionali caratteristiche del mini-impianto portatile da dimostrazione, che da 2 kg di plastica mista di qualsiasi tipo, nel giro di poche ore produce la stessa quantità di carburante di ottima qualità. I

n dettaglio il risultato del test del 3 settembre a Donoratico (LI): input = 2.000gr di plastiche output = liquido, 2100ml senza acqua e quindi 2100ml di olio a) 82,8% 1656,9 grammi (in peso), con 0,789 densità/peso specifico dell'olio b) coke 4,2% (83 gr totali) c) gas 13,0% (260,1 gr totali) In dimostrazione, il carburante ottenuto potrà essere analizzato immediatamente dagli stessi studenti di chimica. il P2P, puo' essere usato per tutti i rifiuti RSU tra cui : pneumatici usati, car fluff, rifiuti di cucina, cartoni, pannolini carcasse di animali ...e perfino deiezioni!!. Tutto si trasforma in gas, carburante e koke, e sempre senza incenerimento ne inquinamento! (in percentuali diverse in funzione dell'input del prodotto)

Attualmente stiamo sondando la possiblità di poter effettuare una serie di dimostrazioni educative a porte aperte, a studenti nelle diverse università italiane. (ed in seguito, eventualmente, corsi didattici periodici sulle nostre tecnologie d'avanguardia per lo smatimento ecologico dei rifiuti) Una volta ottenuto un accordo di base, sulla disponibilità (per poche ore) di un'aula o di uno spazio anche in un cortile, per una dimostrazione (a nostre spese), sarà premura del gruppo Fissore, richiedere le autorizzazioni necessarie e le eventuali sponsorizzazioni regionali per coprire una parte dei costi, - per lo spostamento ed il posizionamento dell'impianto nell' aula di chimica o nel "patio" del centro universitario disposto ad accoglierci (1 europallet di circa 100/200 kg); - per l'intervento di tre moderatori (tra cui 2 ingegneri: uno italiano ed uno inglese) che si alterneranno per le spiegazioni relative alla tecnologia ed al fuzionamento; - per l'intervento di due tecnici per il posizionamento, la preparazione e la messa a punto dell'impianto.

Per Informazioni : fercas123@gmail.com > Link sul mini impianto P2P presentato sabato 3 Settembre a Donoratico (LI) : http://www.sanremonews.it/2011/09/07/leggi-notizia/argomenti/altre-notizie/articolo/una-idea-rivoluzionaria-per-trarre-energia-dai-rifiuti-che-nasce-a-montecarlo.html > PER MEGLIO CONOSCERE IL GRUPPO FISSORE DI MONTECARLO:: 1) pagina de il Mattino di Napoli del 29 giugno 2011 http://www.ilmattino.it/articolo.php?id=154375&sez=NAPOLI > 2) intervista genovapress: chi siamo, proposta dettagliata ai comuni, ecc

http://genovapress.com/Tecnologia/eliminazione-e-rivalorizzazione-rifiuti-senza-inceneritore-e-senza-inquinamento-un-sogno-diventato-realta.html > 3) audizione alla Camera http://genovapress.com/Cronaca/ambiente-audizione-in-commissione-camera-su-nuova-tecnologia-separazione-e-recupero-dei-rifiuti.html >

4) proposta generica ai comuni http://www.sanremonews.it/2011/07/29/leggi-notizia/argomenti/altre-notizie/articolo/smaltimento-dei-rifiuti-da-montecarlo-proposta-di-un-valorizzatore-totalmente-senza-spese.html >

5) link del filmato sulla TV svizzera TSR che presenta il nostro impianto P2P che tra le altre particolarità consente di ottenere 1,2 litri di carburante da un kg di plastica, anche sporca, di qualsiasi tipo, senza inceneritore e senza inquinamento http://www.tsr.ch/video/info/journal-19h30/1491971-inde-un-ingenieur-a-mis-au-point-une-machine-pour-transformer-certains-dechets.html#id=1491971 >

6) Video intervista al prof. Antonio Malorni, docente di scienze alimentari presso l’Università di Caserta, nonché direttore del CNR di Avellino, che dall’ottavo al dodicesimo minuto del video sul sito del Comune di Napoli, parla della nostra tecnologia http://webtvnapoli.websigner.eu/?idvideo=535&idcat=103&tvideo=A+tu+per+tu+-+Intervista+con+il+prof.+Antonio+Malorni