Attualità

Pin It
Stampa
20
Apr
2022

Guida all’uso consapevole del preservativo

Pin It

La contraccezione è un tema quantomai attuale, a ogni età. Un qualcosa su cui si può avere qualche pudore a parlare ma che rappresenta un argomento, invece, alquanto importante.

Il preservativo è uno dei metodi contraccettivi più apprezzati per la sicurezza e la protezione che garantisce, non solo rispetto a una gravidanza non desiderata, ma persino riguardo alla possibile trasmissione delle malattie tipiche della sessualità.

Conosciuto anche come condom, un termine di origine inglese, o profilattico, il suo uso è tipicamente maschile. Risulta composto da una guaina, sottile e il più possibile resa gradevole al tatto, la quale riesce ad adattarsi perfettamente al pene durante la fase di erezione, grazie alla notevole elasticità.

In commercio si trovano molteplici modelli di profilattici, differenti a seconda del materiale, particolarmente innovativo è il polyisoprene, e persino delle ulteriori funzionalità che riescono a garantire. In questo articolo vi proponiamo una piccola guida rispetto all’uso consapevole del profilattico.

uso-consapevole-preservativo

Stampa
18
Dic
2021

Rilevatori di CO, quali sono i migliori

Pin It

Il ritorno dell'inverno riporta al centro dell'attenzione il problema delle dispersioni di Monossido di Carbonio nell'ambiente in cui si vive. 

È una questione molto seria dagli potenzialmente fatali. Il motivo di tale pericolo è semplice: il Monossido di Carbonio, la CO, è un gas inodore, incolore ma tossico, che in ambienti domestici può sprigionarsi da da oggetti quali stufe, caminetti e caldaie per il riscaldamento dell'abitazione, che nel caso di malfunzionamento, e senza alcun preavviso, possono emettere questo gas nocivo per la salute di tutti gli abitanti. 

L'unico rimedio per poter combattere questo tipo di eventualità e per rendere più sicure le nostre case è quello di dotarsi di un rilevatore di Monossido di Carbonio.

Gli analizzatori di CO non sono altro che dei piccoli strumenti, anche portatili, che sono in grado di rilevare la presenza di tale gas nell'ambiente, in maniera del tutto automatica, senza che vi sia la necessità di azioni specifiche da parte degli abitanti della casa. L'unica accortezza che bisogna avere è di accertarsi che le batterie siano cariche, effettuando un controllo almeno ogni 24 mesi, ancora meglio se all'inizio di ogni stagione invernale. 

Stampa
05
Nov
2021

La rassegna stampa: cos’è, a cosa serve e come si fa

Pin It

Un concetto in apparenza semplice, ma che nasconde varie sfaccettature. D’altro canto, uno strumento di informazione e di analisi tra i più classici ed efficaci: in questo articolo dedicato all’attività di rassegna stampa scopriamo di più sul significato, sulle applicazioni e sugli strumenti utili per la comparazione dei mezzi d’informazione.

Che cosa si intende per rassegna stampa?

Con il termine rassegna stampa si indica l’analisi comparata di più mezzi d’informazione. Se un tempo la rassegna riguardava, per l’appunto, solamente la carta stampata (dunque quotidiani, riviste e periodici), oggi il concetto si è esteso notevolmente, abbracciando prima radio e televisione e, poi, anche il vasto mondo del web e dei social network.

Il confronto tra i diversi media presi in esame può riguardare singole notizie, eventi o temi di interesse, ma anche l’intera selezione di notizie, articoli e contenuti informativi proposti.

A cosa serve la rassegna stampa?

La finalità delle attività di rassegna stampa può essere molto diversa: scopriamo insieme i principali obiettivi del lavoro di analisi e comparazione dei media tradizionali e/o digitali.

La rassegna stampa nel mondo dell’informazione

La rassegna stampa può avere come fine quello di illustrare sinteticamente le notizie del giorno e il modo in cui queste vengono riportate dai diversi media considerati ad un pubblico di dimensioni più o meno importanti (dal piccolo team di un’agenzia di comunicazione al grande pubblico televisivo).

In questo caso, il fine ultimo è quello di presentare una visione degli eventi più significativi della giornata nel modo più completo possibile, tenendo conto delle prospettive e dei punti di vista di autori diversi.

La rassegna stampa in ambito giornalistico ed editoriale

La rassegna stampa rientra tra le attività quotidiane di molte redazioni, sia tradizionali che relative a progetti web. In questo caso, lo scopo è quello di confrontare la propria edizione del giorno con quella delle testate concorrenti, alla ricerca di similitudini e differenze nei temi trattati. Di particolare interesse, naturalmente, è l’analisi dei “gap”, vale a dire delle notizie trattate dagli altri media e assenti invece nella propria offerta.

La rassegna stampa per società di medie e grandi dimensioni

In ambito aziendale, la rassegna stampa assume spesso un altro ruolo: quello di strumento per il “media monitoring”, ovvero per la valutazione dell’opinione pubblica in merito ad una società, alla sua immagine e ai suoi prodotti o servizi.

Questo tipo di attività, a volte indicata anche come “press clipping”, si articola nella selezione e raccolta delle notizie, degli articoli e dei contenuti più importanti per l’azienda, selezionati in genere in base alla presenza di determinate parole chiave (come ad esempio il nome della società stessa o di un suo prodotto) o in relazione ad uno specifico scenario di interesse (ad esempio il settore di competenza).

Gli scopi possono essere molteplici, dalla tutela della reputazione aziendale e prevenzione delle crisi di comunicazione alla misurazione dell’impatto delle attività di marketing, fino ad arrivare ad analisi finalizzate allo studio della concorrenza.

Rassegna stampa: come funziona nella pratica

Come realizzare una rassegna stampa?

La distinzione fondamentale in questo caso riguarda i media scelti:

  • carta stampata

  • informazione online (web, blog e social media)

Come realizzare una rassegna stampa a partire dalle edizioni del giorno dei quotidiani

La rassegna stampa tradizionale richiedeva grande pazienza e molto lavoro per scandagliare tutte le testate del giorno alla ricerca degli articoli e dei trafiletti di interesse. Questi, in molti casi dovevano poi essere fisicamente ritagliati e impiegati per dare vita ad una presentazione complessiva che ne permettesse l’analisi comparata.

Fortunatamente, oggi esistono molti strumenti che semplificano questo lavoro, riducendo drasticamente le tempistiche dell’attività.

Con Simul News, tool che nasce per la gestione degli abbonamenti digitali ai quotidiani, è possibile consultare l’edizione digital di tutti i principali giornali italiani e internazionali, ma non solo. L’applicativo online, infatti, mette a disposizione anche appositi strumenti sviluppati proprio per le attività di rassegna stampa, press clipping e media monitoring.

Con pochi click, è possibile impostare alert automatici attorno a keyword di interesse (brand, prodotti, eventi, personaggi pubblici, ecc.), così da ricevere comodamente all’indirizzo email specificato la segnalazione di ogni nuova citazione dei termini chiave scelti all’interno dei pezzi del giorno.

In più, Simul News permette di “ritagliare” articoli interi o parti di essi, di salvarli e di condividerli per realizzare impeccabili rassegne stampa digitali nel giro di pochi minuti.

Come realizzare una rassegna stampa basata sui contenuti online

Tenere conto del mare magnum di articoli, post, commenti nei forum e nei social e, in generale, dell’enorme mole di informazioni prodotta sui cosiddetti owned ed earned media online è un’impresa chiaramente impossibile, indipendentemente dalle dimensioni del team di lavoro.

Così, quando la rassegna stampa o il lavoro di press clipping in cantiere deve includere anche i mezzi di informazioni online, il ricorso ad applicativi progettati appositamente diventa un must.

Talkwalker, ad esempio, è un potente strumento di analisi che si occupa di scandagliare la rete alla ricerca di tutte le menzioni di uno specifico brand a livello globale (il servizio tiene conto delle conversazioni che avvengono online in ben 187 lingue diverse). Talkwalker è in effetti un tool per il media monitoring e per lo studio del sentiment del pubblico a tutto tondo, che può tuttavia essere tranquillamente impiegato anche per una rassegna stampa sui principali social network e persino sui network radio e televisivi.

Stampa
18
Dic
2021

La legalizzazione del CBD in Italia e in Europa

Pin It

 CBD-foto

La legalizzazione delle sostanze estratte dalla cannabis è un tema molto scottante e sempre di grande attualità. Nel corso degli anni sono state varate diverse leggi e spesso si è fatta confusione riguardo la proibizione o meno dell'uso di tale sostanza. In questo articolo cerchiamo di fare chiarezza e di capire ad oggi qual è la situazione normativa che regolamenta l'uso di sostanze quali il CBD e il THC. Se vuoi conoscere nel dettaglio la differenza tra queste due sostanze ti invito a visitare questa pagina per reperire più informazioni.

Stampa
11
Ott
2021

Contenitori per alimenti e packaging biodegradabili: quanto sono sicuri per la salute?

Pin It

I materiali biodegradabili utilizzati per la produzione di confezioni, pellicole, buste, stoviglie, vaschette e contenitori per alimenti di ogni forma, dimensione e tipologia sono davvero sicuri per la salute?

La risposta sintetica è: sì, i biopolimeri – in sostanza materiali filamentosi, con proprietà simili a quelle della plastica, ma derivati direttamente dalle piante – sono sicuri per la salute dell’uomo.

In particolare, i contenitori, piatti, posate e stoviglie per alimenti biodegradabili, ovvero progettati per il contatto diretto con i cibi freddi e caldi, sono oggi realizzati in polpa di cellulosa e altri materiali simili. Caratteristica di queste materie prima è quella di non cedere alcuna sostanza potenzialmente pericolosa per la salute dell’uomo e di non alterare in alcun modo le proprietà organolettiche delle pietanze (come specificato nei cataloghi dei fornitori che operano nel settore ho.re.ca.).

Anche il mercato dell’ingrosso buste biodegradabili è ormai da tempo florido e orientato verso l’impiego di materie prime sempre più versatili e resistenti, ma anche del tutto biodegradabili e/o compostabili, come i polimeri prodotti a partire dal semplice amido di mais.