Stampa
04
Mag
2011

A GENOVA LA FIERA DEL DISCO- CD E VINILE

Pin It

Sabato 7 e domenica 8 maggio 2011, a Genova, presso Piazza delle Feste in Porto Antico – accanto all’Acquario, e in altri spazi limitrofi, dalle 10 alle 19.30 si terrà la prima edizione della Fiera del Disco CD e Vinile. L’evento  inaugura la serie di fiere che si realizzeranno in Piazza delle Feste tra maggio e settembre (la prossima sarà SMACK! – Fiera del fumetto di Genova il 14 – 15 maggio)

La Fiera del Disco e del Vinile di Genova è un evento internazionale e raccoglierà, per due giorni, più di 40 espositori dall’Italia e dall’Europa: migliaia di dischi rari, introvabili, autografati, raccolte uniche, pezzi di tutte le correnti musicali del vinile oltre che CD, oggetti appartenenti al mondo della mitologia musicale come rarità, vinili, pezzi da collezione, gadget, libri e riviste legate al mondo della musica.


Per i visitatori non è solo un'occasione di acquistare e scambiare dischi e vinili, ma anche di poter far valutare il proprio patrimonio discografico da esperti collezionisti. Sono infatti presenti i più grandi estimatori italiani e diversi importanti espositori stranieri con introvabili edizioni speciali distribuite sul mercato estero.

Gli appassionati si immergono tra i cari e ingombranti ellepì ed i più piccoli 45 giri. Un vero tuffo nel passato, quando l'iPod era fantascienza e l'ascolto era caratterizzato dal rumore della puntina del giradischi sul piatto, segno di “autenticità”.

Croce e delizia per i collezionisti e i cultori, le fiere del disco raro, o fuori commercio, sono uno degli ultimi punti di riferimento per gli appassionati: oggi più che mai, con i negozi specializzati quasi del tutto scomparsi, sono la nicchia dove cercare ancora la musica nei suoi supporti fisici, e non solo come file da scambiare.

 Il mezzo “disco” è stato tra l’altro uno dei primi prodotti “multimediali” capace di veicolare, con le copertine, gli inserti interni, per la prima volta a livello planetario, non solo nuovi generi musicali ma anche mode, stili di vita, estetiche condivise, mode globali.

 I VINILI DI FABRIZIO DE ANDRÈ.

Un evento collaterale alla fiera, di notevole rilievo, sarà l'esposizione di alcuni importanti vinili e altri pezzi indimenticabili di Fabrizio De Andrè, il grande cantautore genovese. A cura dell’ esperto CLAUDIO SASSI

La mostra sarà allestita all'interno della Fiera, e vi si potrà accedere con lo stesso biglietto d'ingresso. Realizzata con l'aiuto dei principali collezionisti, proprietari dei più importanti e più quotati pezzi originali, 45 giri ed LP, costituirà un interessante esposizione di rarità relative alla storia discografica di Fabrizio De Andrè.

La mostra conterrà diversi elementi e pannelli: - pannelli dedicati a un dischi sia lp che 45 giri - pannelli dedicati ai concerti dal vivo dell’artista con presentazioni – interviste a musicisti e ritagli dei giornali dell’ epoca che documentano il tour - nel percorso saranno sicuramente presenti dischi originali di de andrè rarissimi come anime salve versione per i giornalisti, un box dato solo ai giornalisti e a funzionari di banca che contiene lp - cd - fogli di appunti - fogli promozionali - del valore di 1200 euro -  l ‘indiano blue ( merano 81 ) il disco per eccellenza più raro di De Andrè in vinile di color blue con il suo autografo - dato solo ai giornalisti a una conferenza stampa di merano - nel 1981 - ne esistono un 100 di copie - il valore è di 2500/5000 euro .

Alcuni ospiti

Gli ospiti, esperti, collezionisti ed espositori, sono tra i migliori d’Europa. Tante le collezioni e le competenze presenti. Ognuno di loro mette in mostra non solo i prodotti musicali ma dei “mondi” con gadget, poster, dischi, immagini e stili particolari. Ve ne segnaliamo alcune:

 

MARCO BONACCHI: massimo esperto di stampe inglesi. Nelle sue proposte solo dischi che valgono dalle centinaia alle migliaia di euro. Nel suo stand una sezione con le stampe della famosa casa dicografica «Vertigo» - che ha messo sotto contratto nomi come i Black Sabbat, Gentle Giant, Metallica, Kraftwerk,ma soprattutto i nomi più ricercati del folk fine anni sessanta e della psichedelia.

 La psichedelia è un movimento che si stacca dal beat e fonda il rock psichedelico, base del rock di oggi,  partendo proprio dal movimento hippie.

La psichedelia si affina poi diventando rock progressivo, uno dei rock piu belli della storia, il suo impegno è di riuscire a descrivere nelle sue canzoni un tema, rappresentato dalla copertina.
Cosa per altro riuscita molto bene in dischi come The dark side in the moon dei Pink Floyd oppure Pawn hearts dei van Der Draaf Generator col genio Hammil che lega la musica e la copertina del disco a un vero studio descritto da libri interi. I gruppi stranieri più famosi del progressive rock sono Genesis, Pink Floyd, Van Der Graaf Generator, Gentle Giant e molti altri.
Questo espositore “impronta” il suo banco con questo tipo di dischi: sicuramente uno stand da visitare!
Tra i pezzi presenti nel suo stand ci saranno dischi rarissimi come Raminghi (2500 euro) Banana di Andy Warhol dei Velvet Underground, versione promo data solo ai dj «White Label» (la Label è l'etichetta al centro del vinile) del valore di 3000 euro. Una versione doppia del live dei Genesis uscita solo promozionale su Philips in Olanda, se ne conoscono solo 13 copie al mondo dal valore di 5000 euro .

DIENASTY: massimo esperto di punk di tutto il mondo. Tra i dischi esposti nel suo stand un 7 pollici (45 giri) dei Rejects (gruppo punk americano anni 80 ne esistono solo 100 copie valore 1200 euro) e dischi punk con copertine veramente singolari ,di rarità assoluta. Nonché dischi comuni ma molto apprezzati della scena punk come Clash, Sex Pistols, e molti altri.

ANGELO L'UOMO DEL BLUES: nell'ambito delle fiere è sicuramente il “personaggio” più conosciuto. Nella sua collezione personale ci sono migliaia di dischi di blues di tutti i generi. Ha conosciuto molti bluesman, collezionando molte copie autografate personalmente a lui. Nel suo piccolo ma intenso stand troverete dischi di blues di tutti i generi e anni dal primo blues spiritual al blues acustico, fino al blues elettrico di oggi . Vale la pena conversare con lui per capire fin da subito quanto conosca e sia padrone della sua lingua il blues. Se gli chiedete di che religione è lui vi risponde: “La mia religione è il blues!”.

ERNYALDISKO: fino a poche settimane fa il primo sito su ebay con piu di 20000 dischi in vendita solo online. Conosciuti per De Andrè e per gli artisti italiani in genere, con sede a Genova, nel loro stand ci sono sempre dischi di rarissima vision. Avranno in esposizione il primo disco di Rino Gaetano, tanto amato a Genova, visto il gemellaggio nei cori con la Sampdoria. Il disco si chiama Ingresso Libero e vale 1500/2000 euro, è introvabile e molto ricercato da tutti i collezionisti.
In esposizione anche un disco dei Jumbo (600 euro) progressivo italiano anni 70, Basso Valdambrini jazz italiano (250 euro), Eneide dei Litfiba 200 euro e molto altro.


All'interno della Fiera di Genova, sarà presente una mostra della discografia e dei concerti di De Andrè, e in ogni pannello dedicato a un disco (sia lp che 45 giri ) come nei pannelli dedicati ai concerti dal vivo dell'artista, ci saranno spiegazioni sui musicisti e ritagli dei giornali dell'epoca che documentano i tour. Nel percorso saranno presenti dischi originali di De Andrè rarissimi, come Anime Salve versione giornalisti: un box dato solo ai giornalisti e ai funzionari di banca che contiene lp, cd, fogli di appunti e fogli promozionali dal valore di 1200 euro. L'indiano blue (merano 81), il disco per eccellenza più raro di De Andrè, in vinile di color blu con il suo autografo, dato solo ai giornalisti a una conferenza stampa di Merano nel 1981. Ne esistono un 100 di copie il cui valore varia dai 2500 ai 5000 euro ognuna.