Stampa
22
Apr
2011

EUROFLORA E LA MACCHINA DEL TEMPO

Pin It

Il Rotary, per i 150 anni dell’Unità d’Italia, presenta “dalle Italie all’Italia”: un simbolico viaggio, con figuranti in costume, attraverso le bandiere degli Stati pre-unitari. Sabato 23 aprile nell’Auditorium del padiglione C della Fiera di Genova, dalle 10.30 alle 12, si svolgerà la rievocazione storica, con costumi dell’ottocento selezionati e scelti per l’occasione, della cerimonia “Omaggio alle Bandiere” svoltasi a Palazzo Madama, a Torino, nel 1861.
L’evento, ideato e realizzato dal Rotary, che in questa occasione interviene con entusiasmo e spirito propositivo a favore della nostra storia risorgimentale, è organizzato grazie alla collaborazione dell’Associazione “A Compagna” e dei Gruppi storici Sestrese e Sextum e del Gruppo Folcloristico Città di Genova.
Partendo dall’immagine del dipinto di Odoardo Borrani “donna che cuce il tricolore”, il quadro prende vita e mentre la donna è china sulla bandiera il corteo storico attraversa i padiglioni di Euroflora tornando indietro nel tempo.
Sventolando le bandiere di Modena e Reggio, Parma e Piacenza, del Granducato di Toscana, del Regno delle Due Sicilie, dello Stato Pontificio, del Regno Lombardo Veneto si arriverà all’Auditorium dove sarà reso omaggio alla bandiera del Regno di Sardegna: il tricolore, simbolo di libertà e di nazione.
Quello stesso tricolore “mazziniano” che era stato adottato da Carlo Alberto nel 1848 come bandiera dell’Esercito, al momento di varcare il Ticino dichiarando guerra all’Austria; lo stesso tricolore con la sola variante, sulla banda bianca, dello stemma dei Savoia, quella bandiera che dopo il 1849 divenne il simbolo del Regno di Sardegna e dal 1861 del Regno d’Italia.
“Si scrive Rotary ma si legge “Amicizia e Servizio” – ha dichiarato Luigi de Concilio Responsabile Comunicazione e Immagine del Rotary. La nostra è un’Associazione mondiale di imprenditori e professionisti di entrambi i sessi nata centosei anni fa per il piacere di stare insieme per rendersi utili, donare competenza, tempo, disponibilità sia per attività sociali e umanitarie che per eventi culturali come quelli presentati oggi alla Fiera di Genova”.