Stampa
10
Mag
2011

INCONTRI CON LA SCRITTRICE ELVIRA DONES

Pin It

Genova, Madrina d’eccezione dello spettacolo “Madri Clandestine”, in prima nazionale al Teatro Duse dall’11 al 15 maggio, la scrittrice albanese Elvira Dones sarà a Genova per alcuni incontri promossi da Chance Eventi – Suq Genova nell’ambito della rassegna “Aspettando il Suq. Nutrire il corpo e lo spirito”.

In questa occasione Elvira Dones presenterà, per la prima volta in Italia, il suo ultimo romanzo “Piccola guerra perfetta”, edito da Einaudi.

Due gli appuntamenti da non perdere, realizzati in collaborazione con Consolato Onorario della Repubblica d’Albania in Liguria, l’Associazione L’Altra Sponda dell’Adriatico e la Provincia di Genova. 


 Giovedì 12 maggio - alle ore 16 presso la Facoltà di Medicina Università degli Studi di Genova – nell’incontro sul tema “Le donne, la maternità, i diritti”, Elvira Dones racconterà agli studenti cosa significa essere una donna in Albania, dove è nata, e negli Stati Uniti, dove risiede, portando la sua personale visione della condizione femminile.

 Venerdì 13 maggio - alle ore 17.30 presso la Sala del Consiglio Provinciale di Genova - la scrittrice sarà intervistata da Silvia Neonato, in occasione della presentazione del suo nuovo libro, di cui Roberto Saviano scrive nella prefazione: “Non è un romanzo di guerra. Questa è la guerra”.

 La «piccola guerra perfetta» del titolo è quella dichiarata dalla Nato il 24 marzo 1999 in seguito alla feroce politica di «pulizia etnica» di Milosevic. Si concluse il 12 giugno. Una guerra aerea, dai cieli del Kosovo. Doveva essere piccola e perfetta perché nessun soldato americano sarebbe tornato a casa in una bara, fu promesso. Ma vista da terra fu purtroppo tutt'altra cosa. Che cosa, lo racconta Elvira Dones in questo libro scritto oggi e basato su anni di ricerche sulle violenze subite dalle donne del Kosovo in ottanta giorni di orrore, a opera dei miliziani serbi. Dones riesce a rendere terribile, commovente e umana l'epica della sopravvivenza di tre donne assediate in una casa di Pristina: Rea, Nita e Hana. E insieme al loro assedio, alla loro disperata e vitale giovinezza, seguiamo increduli l'odissea verso la libertà di due indimenticabili ragazzini, della tredicenne bellissima Blerime, che da grande vuole studiare Poe come zia Nita, e del quattordicenne asso del calcio Fatmir.

 ELVIRA DONES è nata a Durazzo. I primi sette libri li ha scritti in albanese; gli ultimi due in italiano, sua lingua d’adozione. Vive oggi negli Stati Uniti, dopo aver trascorso molti anni in Svizzera. Ha pubblicato per Feltrinelli i romanzi Sole bruciato (2001) e Vergine giurata (2007). Ha diretto per la Tv svizzera una serie di documentari premiati in Francia, Italia e Stati Uniti. Nel 2008 ha vinto il Premio Fondazione Grinzane Cavour per la cultura euro-mediterranea.

 Gli eventi della rassegna “Aspettando il Suq Nutrire il corpo e lo spirito” sono inseriti nel progetto EST/OVEST Le rotte della pace, realizzato da Chance Eventi – Suq Genova, con il contributo di Regione Liguria e in collaborazione con Updoge – Università Popolare Don Orione, Endofap Liguria.