Stampa
04
Mag
2011

MEDITERRANEA. VOCI TRA LE SPONDE

Pin It

A Genova riprende dopo un periodo di pausa, il fortunato ciclo di incontri MEDITERRANEA. VOCI TRA LE SPONDE, che a dicembre ha chiuso con oltre 8000 presenze. Il calendario di questa seconda parte si presenta molto interessante, con importanti presenze di livello internazionale.

Si comincia venerdì 6 maggio alle ore 17.45, nella Sala del Munizioniere di Palazzo Ducale con la scrittrice e giornalista libanese JOUMANA HADDAD. Responsabile delle pagine culturali del quotidiano libanese An-Nahar  la Haddad dirige il magazine di letteratura, arte e cultura Jasad. Nel 2006 ha vinto l’Arab Press Award e nel 2010 il Premio Blue Metropolis per la letteratura araba a Montreal. L’ultimo libro pubblicato in Italia: Ho ucciso Shahrazad. Confessioni di una donna araba arrabbiata (Mondadori 2011) dà il titolo all’incontro a Palazzo Ducale.

Venerdì 13 maggio, ore 17.45 nella Sala del Minor Consiglio, Renata Pepicelli,
esperta di geopolitica e culture del Mediterraneo (fra le sue pubblicazioni; Femminismo islamico. Corano, diritti, riforme edito da Carocci, 2010) e Maria Grazia Bottaro Palumbo, docente di Storia moderna e coordinatrice del Dottorato in Democrazia e Diritti Umani all’Università di Genova, parlano di questioni di genere nell’Islam per la conferenza Femminismi nell’Islam.

Si prosegue mercoledì 18 maggio alle ore 17.30, nel Munizioniere con un seminario di Gilda Della Ragione - docente di Antropologia delle rappresentazioni del corpo all’Università di Genova - dal titolo Cabotaggi linguistici giovani/spazi/limiti/reattività.
 
Per la rassegna Abitare il Mediterraneo, lunedì 23 e martedì 24 maggio si terrà il convegno Mediterraneo_città sui temi dell’abitare costiero e sul futuro del mediterraneo, a cura di Manuel Gausa, Mosè Ricci, Annalaura Spalla, ADDgenova Facoltà di Architettura, Med.net.it.
Intervengono Rudy Ricciotti (Grand Prix National d’Architecture e autore del Museo del Mediterraneo a Marsiglia), Dominique Alba (Pavillon de l’Arsenal - Parigi), Eduard Bru (Fundació Mies van der Rohe - Barcellona), gli urbanisti Richard Burdett (London School of Economics), tra gli autori del nuovo piano di Genova, Alberto Clementi e Bernardo Secchi.

Orhan Pamuk, - scrittore turco e premio Nobel per la letteratura nel 2006 - chiude il ciclo con un incontro dal titolo ISTANBUL, GENOVA E IL MUSEO DI PAMUK, sabato 28 maggio alle ore 17.45 nel Salone del Maggior Consiglio.
I suoi romanzi, tradotti in 58 paesi, sono spesso sospesi tra il fiabesco ed il reale e rispecchiano la Turchia di ieri e di oggi. Tra i più importanti ricordiamo: Istanbul (2006) e Il signor Cevdet e i suoi figli (Einaudi, 2011).